mercoledì 8 agosto 2012

Mini-recensioni: tre libri per un post (#5)

Ciao a tutti!

Il caldo non demorde e scrivere quel che penso de L’Uomo che ride di Victor Hugo diventa piuttosto difficile, visto che l’afa sta tentando di stritolare il mio povero cervellino. Ho pensato, quindi, di mettere la recensione in pausa per un attimo e di presentarvi le mini-recensioni di tre libri profondamente diversi.

Cominciamo con un fantasy decisamente atipico: Assault Fairies – vol. 1 di Chiara Gamberetta.

Pagine:237
Editore:auto-pubblicato
Anno:2011
ISBN://

Trama:XX secolo, Londra: il Piccolo Popolo è reale e non ha bisogno di nascondersi dagli umani. Astride è una fatina allontanata dall’esercito con disonore e costretta a lavorare in un locale notturno per pagarsi l’affitto; almeno finché non le verrà offerta l’occasione per riscattarsi…

Chi bazzica i blog letterari da un po’ avrà visitato almeno una volta il sito Gamberi Fantasy o, per lo meno, ne avrà sentito parlare. E’ stato uno dei primi blog su cui sono capitata e, per quanto non sia del tutto d’accordo con quello che dice Gamberetta, né condivida alcuni dei toni con cui esprime le sue opinioni, ho sempre apprezzato il suo desiderio di trovare nuovi interlocutori, di tirare fuori argomenti, di scandagliare i generi che le sono più cari e che apprezza di più. Ho pensato, quindi, di vedere come se la cava anche con la narrativa – spinta anche dal fatto che lei stessa offre la possibilità di scaricare l’e-book gratuitamente
La lettura è stata piuttosto piacevole, anche se non del tutto appagante. Le idee non mancano, sono originali e interessanti; l’atmosfera è cupa e alcune scene piuttosto splatter la rendono truce. L’interazione tra i vari esponenti del Piccolo Popolo, così come quella tra il Piccolo Popolo e gli umani, è interessante e la resa del disprezzo che spesso intercorre è vivida. Insomma, è uno scenario particolare, che avrebbe avuto le carte in regola per trascinare il lettore dentro di sé, se fosse stato accompagnato da personaggi più memorabili e più delineati. L’unica fatina che si distingue è Astride, la protagonista: mi è piaciuta molto, è forte, determinata, aggressiva, fissata con il concetto di onore e di gloria bellica. Se le altre fatine fossero state caratterizzate anche solo la metà, probabilmente mi ricorderei distintamente anche di loro.
Notevoli certe scene (come quella in cui uno gnomo viene interrogato con un’incursione mentale, episodio che finisce in maniera molto… diciamo forte, anche se sarebbe meglio dire appiccicaticcia e sfracellata), altre sono un po’ confuse e non riescono ad arrivare del tutto al lettore.
Il finale mi è piaciuto moltissimo – è bello trovare qualcosa totalmente diverso dal consolatorio “e vissero felici e contenti”.
Insomma: una storia che poteva dare di più, ma comunque non è male! Se mai Gamberetta pubblicherà il secondo volume, sarò curiosa di leggerlo.

Voto:
stellinestelline
            6

Il secondo libro di cui vi parlerò oggi è sicuramente uno dei più conosciuti di questo autore: Esercizi di stile di Raymond Queneau.

Copertina degli Esercizi di stile di Raymond Queneau

Pagine:309
Editore:Giulio Einaudi Editore
Traduzione:Umberto Eco
Anno:1947
ISBN:978-88-06-19312-6

Trama:Novantanove “esercizi di stile”, novantanove variazioni di un episodio comune (un uomo che vede due persone discutere su un mezzo pubblico e che poi rivede uno dei due in un altro posto) che diventa punto di partenza per un esempio incredibile di perfetta adesione alla retorica e, insieme, di un gioco che riesce a rinnovarla profondamente.

Cosa posso dire di questo libro? La prima cosa che mi viene in mente è “capolavoro”. Non solo per le incredibili doti letterarie di Queneau, ma anche per il magnifico lavoro che è stato fatto per questa edizione italiana: l’introduzione di Eco (che potrebbe rivelarsi un poco complicata per chi non è avvezzo alle figure retoriche), così come la sua traduzione, sono veramente curatissime, un’opera d’eccezione. Allo stesso modo, la postfazione di Bartezzaghi è un saggio interessantissimo che permette di addentrarsi meglio nell’opera dello scrittore francese e apprezzarla completamente. Insomma, un libro praticamente perfetto sotto ogni aspetto.
Queneau è un giostratore: ogni variazione si adatta perfettamente alle prime notazioni, calzando come un guanto. Possiamo anche provare a crearlo noi, un guanto – l’autore sembra quasi lanciare una sfida (come notano sia Eco che Bartezzaghi), creando un elenco di esercizi possibili e limitandosi a inserirne nel libro solo 99 (come a dire al lettore: “Provaci, dai! Scrivi tu il centesimo esercizio!”). Eco, come traduttore e come lettore, la sfida l’ha colta, talvolta in modo molto personale, con traduzioni esuberanti che riescono a diventare testi perfettamente autonomi rispetto agli esercizi originali.
Eccezion fatta per gli esercizi legati ad apocopi, aferesi, sincopi e permutazioni, giochi di bravura, puri esercizi essenzialmente illeggibili – ossia, da apprezzare solo per la pazienza con cui autore e traduttore si sono messi a scriverli – tutti gli scritti sono godibili, spesso divertenti, a volte esilaranti: tra i miei preferiti ci sono sicuramente Parole composte, Onomatopee, Ellenismi, Francesismi/Italianismi, Sostituzioni, Botanico e Lipogrammi (in cui Eco ha dato il meglio di sé, non limitandosi solamente al lipogramma basico in E, ma allargandolo a tutte le restanti vocali). Meraviglioso anche il metodo S+7, ovvero la sostituzione di ogni parola con quella che, nel dizionario, è posta sette posizioni dopo.
Un libro che consiglio appassionatamente a tutti gli amanti della lettura e anche agli aspiranti scrittori, per capire come conoscere le regole ti permetta di giocarci come preferisci – se poi possiedi la maestria di Queneau, beh, il gioco diventa senza alcun dubbio un’opera d’arte!

Voto:
stellinestellinestellinestelline
                     9,5

Infine, vi presento un libro che non pensavo avrei mai letto in vita mia, e invece… Una volta di più mi ritrovo a dover dire “mai dire mai”! Sto parlando di I doveri di un cavaliere di Lynsay Sands.
Pagine:315
Editore:Harlequin Mondadori
Traduzione:Maria Grazia Bassissi
Anno:1997

Trama:
Amaury de Aneford è un valoroso guerriero che cerca solo di ottenere un castello da considerare casa propria; perciò, quando re Riccardo II gli impone di sposarsi con Lady Emma, fresca vedova, accetta subito, benché poco felice – la dama dev’essere per forza brutta, se ha bisogno della raccomandazione del re per trovare marito. Ma Amaury ancora non sa quali sorprese l’aspettano… e quali intrighi dovrà svelare e fronteggiare.

Allora, una veloce premessa: non pensavo che avrei mai, dico mai, letto un romanzo rosa di questo tipo. Con “di questo tipo” intendo i romanzi pubblicati in edicola, con copertine onestamente imbarazzanti, in cui c’è la solita coppia sospirante formata da uomo aitante (meglio se mezzo nudo) e donna persa tra le sue braccia, o che lo respinge con aria sofferta.
Ma visto che questo libro mi era stato inviato tanto tempo fa da un utente Anobii, non mi ricordo in che occasione, ho deciso di leggerlo comunque – ho pensato “mal che vada, mi farò delle risate”. Le risate ci sono state, in effetti, ma non per il motivo che mi aspettavo!
Questo libro, infatti, è divertente e scanzonato: gran parte del merito è dei personaggi che sono tutti ben delineati e, anche se alcuni sono costruiti su degli evidenti cliché, riescono sempre a portare qualcosa in più alla storia, rendendola frizzante e allegra. Il rapporto tra Emma e Amaury, poi, è semplicemente fantastico: le loro incomprensioni sono un balsamo contro il cattivo umore!
Non ho amato molto le parti dedicate agli amplessi, ma visto che non sono molte e, in certi casi, sono funzionali al proseguimento della trama, non ci ho fatto troppo caso. Senza contare, poi, che a volte pure le scene di sesso sono scritte in modo tale da far ridere il lettore!
Non manca anche una sorta di tenerezza, soprattutto man mano che ci si avvicina alla fine; tuttavia, non si parla certamente di robaccia tutta zucchero e melassa e anche questo è stato un aspetto che ho apprezzato moltissimo.
Gli episodi si susseguono velocemente, dando alla storia un ritmo deciso, quasi trascinante. E’ un romanzo che si legge in pochissimo tempo, perché le pagine scorrono fluide, senza annoiare mai: a questo portano anche le parti più “avventurose” del libro che, ci tengo a dirlo, presenta anche delle scene d’azione (legate all’intreccio, che non gira solo attorno alla relazione romantica, ma anche a problematiche ereditarie e a traditori della patria) che rendono più corposa e piacevole la storia.
Insomma, ammetto il mio errore: posso dire con una certa sicurezza che non diventerò una lettrice fedele di queste collane, ma prometto che d’ora in poi cercherò di avere meno pregiudizi verso questi libri! Se si rivelassero tutte letture d’evasione divertenti e, perché no, appassionanti come questa, ne sarei solo felice.

Voto:
stellinestellinestelline
               7,5


Con quest’ultima “confessione” vi saluto; spero che vi stiate godendo le vostre vacanze o, in alternativa, che possiate rilassarvi dopo una giornata di lavoro con una bella lettura!

Vostra,

Cami

38 commenti:

  1. Anch'io sono sicura che tra i rosa da edicola si nascondono delle belle letture, ma scartare le ciofeche non è facile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, è quella la limitazione più grande, secondo me. E' un vero peccato perdersi dei bei libri per il terrore di trovarsi di fronte a un libro pessimo... però dai, il peggio del peggio si riesce a scartare già solo leggendo la trama, di solito ;)

      Elimina
    2. In edicola ci sono delle chicche di libri, tra i rosa e tra i gialli e io ne sono una grande sostenitrice! Peccato (per i rosa) quelle copertine *___*

      Elimina
    3. Silvia, hai centrato il punto: le copertine! Sono spesso inguardabili, onestamente.
      Già si parte con l'idea che siano di qualità inferiore (è un errore, lo so, ma i pregiudizi son duri da sradicare), se poi ci si aggiunge l'immagine da "comprami, parlo di storie osé e torbide!" l'interesse scompare del tutto, per quanto mi riguarda...

      Elimina
    4. Lo capisco, io mi ci sono avvicinata per caso. Avevo letto un romance preso in libreria e cercandone altri ho scoperto che il genere era veramente bistrattato! Usciva solo in edicola praticamente! Però ho voluto mettere da parte i pregiudizi e metterci il naso e ho letto dei veri gioiellini. Pensa che all'inizio stampavo le copertine originali e ricoprivo i libri per darci un po' più di tono XD

      Elimina
    5. AHAHA, sei un genio, sul serio! xD

      Elimina
  2. Ciao Camilla! Innanzitutto complimenti per il blog!
    "Esercizi di stile" è nella mia wish list da un po' e, dopo aver letto la tua recenzione, sono ancora più desiderosa di leggerlo! Credo che passerà direttamente nel carrello di Bol di settembre :P
    Buone letture!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca! Ti ringrazio, sono felice che il mio blog ti piaccia :)
      Sono ancora più felice che la recensione ti abbia fatto venir voglia di leggere Queneau, fidati, non te ne pentirai ;) Se poi lo comprerai, a settembre, fammi sapere cosa ne pensi.

      Buone letture anche a te!

      Elimina
    2. Ho comprato "Esercizi di stile" insieme ad altri cinque libri e sono in trepidante attesa! Non vedo l'ora di leggerlo :D

      Elimina
    3. E io non vedo l'ora di sapere che ne pensi, spero piaccia anche a te quanto è piaciuto a me :D

      Elimina
  3. Anch'io prima o poi leggerò Assault Fairies. Sono molto curioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io sarò curiosa di sapere cosa ne pensi, non appena lo leggerai :D

      Elimina
  4. dopo Zazie nel metro e un altro di cui al momento non ricordo il titolo, avevo abbandonato Queneau. Il suo genio non era per le mie corde. Ma mi hai fatta incuriosire riguardo a Esercizi di stile, perciò gli darò un'altra chance!
    Quanto agli harmony da edicola li ho sempre evitati anch'io, perché come hai detto tu, mi son sempre sembrati imbarazzanti. Non credo che a questo punto mi ci dedicherò, ma se mai mi capiterà sott'occhio I doveri di un cavaliere, ne approfitterò per leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ecco qual era l'altro titolo di Queneau: Il diario intimo di Sally Mara

      Elimina
    2. Girasonia, sono felicissima che tu voglia concedergli una possibilità! Fammi sapere cosa ne pensi; mi piacerebbe discutere con qualcuno di questo libro, non ho ancora trovato nessuno (tra i miei conoscenti)che l'abbia letto e scalpito dal desiderio di trovare qualcuno con cui confrontarmi a riguardo!

      Elimina
    3. Per quanto riguarda i libri da edicola, purtroppo anche io sono ancora vittima del pregiudizio - d'altronde, non si cambia dall'oggi al domani - ma più ci penso, più mi rendo conto che dovrei basarmi solo e soltanto sul contenuto (e, quindi, evitare di giudicare prima di leggere): in fondo, quanti libri pubblicati da case editrici "serie", venduti in libreria, si rivelano essere peggio del peggiore cliché in stile Harmony?

      Elimina
    4. Ah sì, di fregature "pensavo fosse un bel romanzo, invece era un harmony" ne ho avute proprio tante... le case editrici sanno bene come camuffare cover e trama per fregare noi lettrici!
      Quanto a Queneau, non appena lo leggerò ti avviserò ;)

      Elimina
  5. Dopo aver letto "I fiori blu" sono sempre pi ansiosa di leggere anche "Esercizi di stile", e ora dopo la tua recensione ancora più curiosa! :)

    E mi hai intrigato un sacco anche con "I doveri di un cavaliere". Anch'io solitamente storco un po' il naso di fronte a certi libri, però a prescindere dal fatto che possano essere belli o meno, che possano paicere o meno, mai avrei immaginato che potessero far ridere!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho inserito "I fiori blu" in Lista dei desideri dopo aver letto la tua recensione ;)
      Sono felice che tu voglia leggere gli Esercizi, sono curiosa di sapere la tua opinione! Mi piacerebbe tanti poterne parlare con qualcuno, l'ho scritto anche a Girasonia, nel commento sopra al tuo :)

      Eheh, nemmeno io avrei mai pensato che potessero essere divertenti, e invece...! Ogni tanto è bello essere sorpresi :)

      Elimina
    2. Prima o poi lo leggerò sicuramente, solo che non a breve, penso, vista la mole di non letti che rischia di sommergermi! Sono anche indietrissimo con le recensioni! Ah, a proposito, quella di Misfits sta finalmente arrivando! :)

      Elimina
    3. Tranquilla, ti capisco fin troppo bene! :)

      Uhuh, bene bene, non vedo l'ora di leggerla! Avremo di che parlare, credo ;)

      Elimina
  6. Non conoscevo l'esistenza di "Assault Fairies", ma dalla trama devo dire che sembra un'opera piuttosto originale... penso che lo leggerò, l'idea di una piccola fata combattiva come protagonista mi ha ricordato "Dreamdark" della Taylor, in qualche modo! :) anche se certamente si tratta di due libri molto diversi, essendo essenzialmente "Dreamdark" un romanzo rivolto ai bambini! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo "Dreamdark", vado a informarmi!

      Comunque sì, è originale, molto creativo; se i personaggi fossero più approfonditi, sarebbe un libro davvero bello.
      Chissà, magari nel seguito (se Gamberetta lo pubblicherà) anche questa falla sarà sistemata.

      Elimina
  7. Regalino per te! http://libridilo.blogspot.it/2012/08/premio-almohada.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Urca! *___* Grazie, grazie mille! Corro a lasciare un commento anche lì!

      Elimina
  8. Ciao Camilla, sono la founder di 'Sulla carta'. Ti ricordo che fra qualche minuto ci saranno le premiazioni dei 'Penna Awards' e si da il caso che questo appuntamento ti riguarda ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O mamma, ma così mi emoziono! Corro subito a vedere, grazie mille! *___*

      Elimina
  9. Ottime mini-recensioni come sempre! :-)
    Esercizi di stile è in wl e prima o poi dovrò recuperarlo...assolutamente...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta ti piacciano! :)

      Spero proprio tu lo possa recuperare, perché merita davvero e perché sono curiosa di sapere che ne pensi!

      Elimina
  10. Interessantissimo questo post! Anch'io sono stata lettrice di Gamberetta (per un certo periodo anche assidua, ma nemmeno io condivido certi toni) e quindi mi incuriosisce il suo libro. E poi divertente la tua confessione: dimostra che non bisogna avere davvero MAI dei pregiudizi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ivy, sono felice ti sia piaciuto! :D

      Il libro di Gamberetta è molto particolare, ma migliorabile. Tuttavia, visto che ti incuriosisce e che è disponibile gratuitamente, ti consiglio di dargli un'opportunità e leggerlo.
      Per quanto riguarda la mia confessione... che dire, hai centrato il punto xD

      Elimina
  11. c'è un premio per te sul mio blog
    http://sonia-ilghirigoro.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! *___* Che bello, corro a vedere!

      Elimina
  12. Cami sto aspettando il tuo ritorno, i tuoi post... su su che siamo a settembre, basta con le vacanze!!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Sonia sei un tesoro :) Ora torno, sto pubblicando proprio ora un post ;)

      Elimina